venerdì 23 gennaio 2015

Mansfield Park di Jane Austen

"CLASSICO"
anno: 1814

Questo non sarà fra i romanzi della Austen il più famoso, ma è di sicuro uno dei più profondi e psicologici.
La Austen delinea minuziosamente il carattere dei suoi personaggi e creando continue contrapposizioni fra loro ne esalta ancora di più le caratteristiche: antepone la profondità di alcuni alla superficialità di altri, la cura e la precisione alla noncuranza.

Inevitabilmente il lettore si affeziona subito all'eroina Fanny che "salvata da una vita di stenti", viene trattata come una cenerentola dalle zie e dalle cugine. Solo con il tempo conquisterà il ruolo che merita e il lieto fine arriverà con un bel colpo di scena, quando ormai il lettore sarà rassegnato al destino scelto per lei da altri.

Come sempre la prosa della Austen ammalia e circuisce.
Non posso negarvi che a ogni nuova lettura dei romanzi della Austen mi affeziono sempre di più a lei , e più i titoli da leggere si affievoliscono e più aumenta in me la stima per lei.

Un Cuore nel Sole