sabato 8 novembre 2014

Un incidente ma quanta paura.

Quando mi hanno chiamata da scuola perchè mio figlio si era fatto male ho avuto molta paura, ho abbandonato tutto e sono corsa da lui ringraziando il cielo di lavorare vicino.

Avrei voluto per me quell'incidente e quel dolore perchè quando a stare male è qualcuno che ami, e che ami più della tua stessa vita, è ancora più terribile perchè non hai il controllo e non senti tu quel dolore. La paura di perdere qualcosa che ami è più forte del perdere se stessi.

E mio figlio piangeva, per paura e per dolore con quel cerotto che teneva uniti i due lembi di carne.
Ho corso più che potevo verso l'ospedale, tenedo d'occhio la strada e il traffico. Mio padre mi ha raggiunto così da facilitarmi nel momento di ingresso al pronto soccorso.
Ci hanno accolti subito e i medici sono stati tutti bravissimi. Ho scritto una mail di ringraziamento pochi giorni dopo. Perchè quando si trovano dei medici che consolano e incoraggiano è giusto degnarli di riguardo.
In quattro per tenerlo fermo nel momento di incollaggio. Già, perchè urlava e scalciava per la paura. E in quei momenti non c'è coccola che tenga.

Grazie Dio, che me lo salvi sempre. Che una caduta poteva essere fatale e invece ne siamo usciti solo con un'applicazione di colla sotto il naso e un'ematoma su tutta la faccia. E ora ha una bella cicatrice.

Perchè lo racconto adesso? E' successo più di un anno fa. E' successo ed è passato ma oggi mi è tornato in mente quel momento di paura perchè ho sentito una cosa accaduta a un'amica. E allora penso a tutti quelli che come me hanno avuto paura per i loro figli.

Un Cuore nel Sole